Il Destino è Scritto a caratteri Indelebili

Penso a quanto più semplice sarebbe la vita se, semplicemente, accettassimo le cose per come sono.

 Se non lottassimo contro la corrente. Se abbracciassimo l’idea che non facciamo qualcosa per una ragione, che non abbiamo uno scopo, che non possiamo cambiare il destino attraverso le nostre azioni, che il nostro futuro non dipende da noi.

Su una cosa devo convenire: La nostra mente è estremamente creativa e può portarci a pensare in qualsiasi modo. Uno stesso evento può avere milioni di interpretazioni ed è questa la causa che porta a stati emotivi differenti.

 Un evento che a me appare in un certo modo ad un’altra persona può apparire in un modo totalmente differente e la sua lettura può essere diametralmente opposta alla mia.
Il problema è proprio questo. La nostra logica limitata e le chiavi di lettura che diamo. Le chiavi di lettura, dunque, non possono prescindere dalla logica della nostra mente e dagli istinti basici.
La logica limitata dei neuroni e delle sinapsi neurali che possono agire solo in un determinato modo seguendo regole ben precise…Per questa ragione, ad esempio, per cercare di comprendere e spiegare un elemento e persino l’Universo usiamo la matematica. 

Probabilmente è un approccio totalmente errato ma è l’unico possibile al nostro cervello. Il punto, comunque, non è addentrarsi nello studio del cervello ma cercare di comprendere che la nostra logica limitata supportata dall’istinto base (Istinto alla conservazione), tendono a dare delle chiavi di lettura della vita che, probabilmente, sono errate.

La Bibbia è un testo antichissimo…Non sappiamo bene da dove provenga…eppure “esiste”.
La Bibbia ci parla di un Dio Potente e Onnisciente;

Dio sa tutto quello che accadrà fino alla fine della storia stessa (Isaia 46:9-10), conosce anche i nostri stessi pensieri, prima ancora di averli esternati (Salmo 139:4). Conosce i nostri cuori da lontano; ci ha persino visti nel grembo materno (Salmo 139:1-3; 15-16). Salomone esprime questa verità perfettamente quando dice: “tu solo infatti conosci il cuore di tutti i figli degli uomini” (1 Re 8:39)

La Bibbia poi ci parla anche del “Libero Arbitrio”.

Il nostro futuro dipende in larga misura da noi. La Bibbia ci incoraggia a ‘scegliere la vita, ascoltando la voce di Dio’, scegliendo cioè di ubbidire ai suoi comandi (Deuteronomio 30:19, 20). Questa possibilità che ci viene offerta non avrebbe senso, e denoterebbe addirittura crudeltà, se fossimo privi del libero arbitrio. Invece di costringerci a fare quello che dice lui, Dio fa appello al nostro cuore: “Oh se tu realmente prestassi attenzione ai miei comandamenti! Allora la tua pace diverrebbe proprio come un fiume” (Isaia 48:18).

Su questi 2 concetti la chiesa ha costruito un impero ma se vogliamo cercare di analizzarli bene…forse troveremo delle letture molto diverse da quelle date dagli “interpreti ufficiali” del testo.

Partiamo dal concetto di Onniscienza legato a quello di Libero Arbitrio: La capacità dunque di questo Dio di sapere ogni cosa di noi, futuro incluso e allo stesso tempo la sua “democrazia” nel lasciarci liberi di scegliere il nostro cammino.

La riflessione sorge spontanea: ” Se Dio sa gia , ancora prima della nostra nascita, cosa faremo nella nostra vita…il libero arbitrio non ha più senso. Mi spiego meglio. Se Dio sa gia, prima che io nasca, che io sarò un criminale……sa gia che non cambierò strada…Dio lo sa perchè sa tutto. Allora perchè, pur sapendolo, mi fa nascere?
Il Libero Arbitrio ci sarebbe realmente se Dio non sapesse come finiranno le cose e quindi, in quel caso, potrei sorprenderlo…ma visto che Dio sa gia tutto, il “libero Arbitrio” è semplicemente fittizio, non esiste. 

Il testo riporta; “Invece di costringerci a quello che dice lui, Dio fa appello al nostro cuore”…Ma Dio…sa benissimo gia molto prima come andranno le cose. E’ come se io mettessi una gallina in gabbia e aprissi 2 sportelli che comunque la porteranno, entrambi, ad una pentola bollente…Io so gia come finirà ma alla gallina …starei dando il libero arbitrio di scegliere… Si tratta davvero di “Libero Arbitrio”? E comunque, Dio che sa tutto…conosce anche in anticipo quale sportello la gallina sceglierà quindi il “libero Arbitrio” proprio non esiste.

Cosa succede, dunque, se cambiamo la chiave di lettura?

La Bibbia, chiaramente, ci dice che è TUTTO già scritto. Tutto Predeterminato. Che c’è un “Creatore”/”Programmatore” del nostro Universo che sa già tutto in anticipo. Come il programmatore di un Video Game.

Ieri era domenica e riflettevo su come in quasi tutto il mondo la Domenica sia un giorno non lavorativo. Wow, pensavo…non siamo in grado di metterci d’accordo su tantissime cose ma, guarda caso, ci siamo messi tutti d’accordo sulla Domenica festiva per tutti…oppure è semplicemente una “regola” del gioco ed è per questo che tutti ce la siamo ritrovata senza opporre resistenza?…E’ solo un esempio scherzoso ma di eventi che sembrano studiati a tavolino e che sono stati abbracciati da un grandissimo numero di individui di culture differenti ce ne sono tantissimi… 

Ecco che poi fioriscono le Teorie Complottiste , che nascono dal fatto che risulta improbabile il fatto che un certo tipo di eventi possano avvenire senza che ci sia una “Regia” Universale…Però, piuttosto che pensare ad un Programmatore del nostro Universo, è più semplice pensare ad un numero ridotto di individui potentissimi che si riuniscano per decidere assieme le sorti del mondo…è più lugubre, suona pi misterioso e ci dà, comunque, l’illusione di poterci ribellare e cambiare le cose.

Ci solletica l’idea che il successo dipenda da noi. Anche questa, però, potrebbe semplicemente essere una idea radicata dal “programmatore” per non farci entrare in depressione. 

Se ti dicessero tu sei povero e morirai di Cancro fra 15 anni…probabilmente non potresti cambiare il tuo destino (in quanto già scritto) ma…lo vivresti estremamente male. La tua mente allora ti fa credere che lavorando sodo, che comportandoti in un certo modo, potrai avere le stesse possibilità del signor Ferrero che è Miliardario.

L’Illusione è semplicemente parte del programma…è quella che ci fa andare avanti nel gioco. E’ parte del nostro Codice Genetico.
L’Universo a noi conosciuto ha un Codice, Il nostro corpo ha un Codice…Tutto è Codificato/Codificabile…proprio come un Video Game.

Probabilmente se viaggiassimo alla velocità della luce in alto nello spazio e rompessimo le barriere spazio/temporali …. ci ritroveremmo alle spalle di noi stessi (In qualche modo Einstein lo affermava)… e in pratica, dunque, non andremmo da nessuna parte. Andremmo talmente avanti che…torneremmo indietro.

Il mio è dunque un invito  a cercare di smettere di cercare ed imparare ad accettare. Se decido di non cercare un lavoro, avrò le stesse possibilità di successo o di insuccesso di chi, invece, lo ricerca assiduamente, semplicemente perché tutto è già scritto. Accettarlo ci aiuterà a trovare la pace e la serenità.

La sola differenza che c’è tra chi accetta tranquillamente gli eventi e chi li “combatte”…è la pace interiore. Il risultato, comunque, non cambierà. Faremo sempre ciò per cui siamo stati programmati e penseremo di averlo scelto noi. 

P.S. Questa. chiaramente, p una semplice Teoria ma il bello è che non è possibile contraddirla se non con elementi ugualmente teorici.  Ergo…La verità è semplicemente quella che noi decidiamo di abbracciare. 

3 commenti su “Il Destino è Scritto a caratteri Indelebili”

  1. Pingback: Esiste il Libero Pensiero? – PerceivingU

  2. Certo che volenti, o nolenti
    Il destino c` e´ .ed e“´ il motivo fondamentale
    che da senso alla nostra vita.Stabilito da Dio….se giuda non tradiva ,Gesu` non veniva crocifisso .il mondo non si sarebbe salvato .dunque tutto ha un senso….ma tutto, e Dio sono la stessa cosa …

    1. Giorgio Lo Cicero

      Grazie, Umberto, per il tuo contributo. Non esiste una verità oggettiva in quanto non è dimostrabile la “oggettività” visto che qualunque esperienza viene elaborata dalla nostra mente. Qualsiasi “verità” o “realtà” sono soggettive. Chiaramente mi rendo conto che visto che le esperienze che viviamo, per quanto “soggettive” sono talmente realistiche che immaginarle come semplici proiezioni mentali è estremamente difficile. Gli eventi hanno il senso che la nostra mente dà loro. Un caro saluto e grazie ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *